Ortica, Urtica Dioica L

orticaGarganella, Urtiga, Vertiga.
Il nome ortica deriva dal latino “urere” che significa “bruciare”, mentre la parola dioica (che significa “con due case”) indica la specie e si riferisce al fatto che i fiori maschili sono distinti da quelli femminili. L’ortica è un’erba perenne eretta, può raggiungere il metro di altezza a volte anche i due, le foglie sono ovato-lanceolate, appuntite, dentato-seghettate. I fiori sono piccoli e senza petali, sono riuniti in glomeruli formanti lunghe ed esili spighe. Tutta la pianta è provvista di peli urticanti contenenti acido formico.
Impieghi terapeutici. L’ortica è una delle piante con il maggior numero di proprietà medicinali; è ricca di clorofilla, acido folico e ferro per questo si usa in caso di anemia. La pianta possiede anche proprietà vasocostrittrice (contrae i vasi sanguigni) ed emostatica (ferma le emorragie), quindi è impiegata specialmente nei casi di emorragie nasali e uterine. È utilissima per le donne che soffrono di mestruazioni abbondanti. Le foglie sono ricchissime di sali minerali, vitamine A, C e K, di rame e zinco.  In infusione sono utili anche nel periodo della menopausa grazie alla sua funzione remineralizzante, ricostituente e tonificante.  Ha inoltre azione depurativa, diuretica e alcalinizzante: è indicata in caso di debolezza fisica,  gotta, affezioni reumatiche, di artrite, iperglicemia e cistite. L’ortica possiede anche un’azione galattogoga, dovuta alla capacità di aumentare la secrezione del latte materno.

Modalità d’assunzione: infuso, decotto e tintura madre, cataplasma.

orInfuso di ortica. Mettere 2 cucchiaini di foglie secche in una tazza d’acqua bollente per 10 minuti. Se si usa la pianta fresca bastano tre foglie per una tazza. Filtrare l’infuso e bene due tazze al giorno lontano dai pasti per usufruire dell’azione remineralizzante, antianemica e diuretica. Per la cura dell’afte mettere in infusione 200gr di foglie secche in mezzo litro di acqua calda, lasciar riposare per 15 minuti, filtrare, mettere in un contenitore e fare degli sciacqui 3-4 volte al giorno.

Decotto di erba fresca per un’azione depurativa. Mettere 50 g di ortica fresca in un litro e mezzo d’acqua fredda, bollire fino a ridurre a un litro, filtrare, mettere in una bottiglia e berne 2-3 bicchierini al giorno.

Impacco di ortica per rivitalizzante per capelli
Per preparare un impacco naturale, lessate alcune manciate di foglie di ortica, scolatele e tritatele finemente. Mescolate il trito di ortica al tuorlo di un uovo. Porre l’impacco sul cuoio capelluto per 15 minuti.

Controindicazioni dell’ortica
L’assunzione per via orale dell’ortica è sconsigliata durante la gravidanza perché stimola la motilità dell’utero. Se ne sconsiglia l’uso in concomitanza con farmaci diuretici.

In cucina. Nelle preparazioni culinarie è sufficiente sbollentare le foglie di ortica per pochi minuti, per poterle in seguito sminuzzare e utilizzare come ingrediente per la normale preparazione di risotti, minestroni, zuppe, vellutate e torte salate. Le foglie di ortica lasciate intere possono essere impiegate per la preparazione di piccoli involtini, da riempire, ad esempio, con dell’orzo lessato; le foglie d’ortica tritate, insieme a patate lessate schiacciate e erbe aromatiche, possono costituire il ripieno per degli ottimi ravioli caserecci.

Come raccogliere. L’ortica è consigliabile raccoglierla in primavera (fatene scorta per l’inverno) ed estate. Essendo una pianta molto orticante è doveroso munirsi di forbici e guanti spessi. In cucina, e per creare composti, i getti migliori sono quelli primaverili perché ha un potere curativo più alto rispetto agli altri.

  • Mettendo 100gr di ortica a macerare per 7 giorni in un litro di acqua si può ottenere un ottimo fertilizzante per le nostre piante di casa, grazie all’aiuto dei minerali e della clorofilla contenuti; molto utile anche come antiparassitario (anche il decotto funziona).
  • Facendo macerare le foglie per dodici ore si ottiene un ottimo rimedio contro gli afidi. Nebulizzare l’intera pianta.
  • L’ortica è anche una pianta tintoria, adatta a colorare le stoffe. Le sue foglie tingono di verde, mentre le radici regalano ai tessuti un colore giallo.
  • L’ortica è anche un materiale di partenza in campo tessile,per la realizzazione di una stoffa intessuta, chiamata ramia simile alla canapa o al lino. Dall’ortica si ottiene una fibra vegetale bianca e sottile, che in Cina era utilizzata molto prima della diffusione del cotone.

 

Le chicche del borgo
Locanda del Pozzo Antico
Maremmama'
Lombardelli Arredamenti
Bar Il Golosone
Pelletteria Grifoni
Unipol Sai Assicurazioni
Tisi Fotografia
Guide turistiche-ambientali Sorano