Storia della Maremma

Orbetello,_porta_medina,_01

L’aggressione fascista a Orbetello: 10 luglio del 1921

La conquista fascista del capoluogo maremmano, avvenuta fra il 29 e il 30 giugno 1921, fu il trampolino di lancio per la definitiva occupazione della provincia. Dopo Grosseto fu la volta di Orbetello: i fascisti vi giunsero in treno il 10 luglio e i reali carabinieri, piuttosto che difendere la porta di accesso al paese, […]
Pubblicato il 29 giugno 2020
san leopoldo strage

12 giugno 1944: la strage di San Leopoldo

La zona di S. Leopoldo è situata nella campagna maremmana, non molto lontana da Marina di Grosseto, vicinissima alla località Il Cristo, a sua volta distante dalla città capoluogo 14 chilometri. S. Leopoldo è sull’argine del fosso Tanàro. Qui, nella primavera del 1944, si rifugiarono alcune famiglie dei dintorni e di Marina, per sfuggire alla […]
Pubblicato il 26 aprile 2020
Flavio Agresti

Flavio Agresti, Dante Campori e il Gruppo Bande di Tirli

Per poter raccontare della tragica morte di Flavio Agresti, bisogna parlare della Formazione partigiana di cui fece parte: il Gruppo Bande Tirli. Si trattava di un insieme di piccole bande, nate spontaneamente attorno ad alcuni uomini coraggiosi intenzionati a combattere contro i tedeschi ed i loro alleati italiani. Il Gruppo fu costituito operativamente ai primi […]
Pubblicato il 20 aprile 2020
pianiano 4

Il Brigante Veleno, una storia di vendetta e gelosia

Bieca è la faccia, scruta con lo sguardo Indagator d’avida avventura; ghigna feroce, e lesto come il dardo è nelle imprese, è sua natura piombar veloce. Il piccolo borgo di Pianiano, frazione del comune di Cellere, è una romantica cornice arroccata tra gli immensi spazi della campagna della Tuscia. Questo paesino fortificato divenne celebre per […]
Pubblicato il 25 giugno 2018
1200px-ScansanoPanorama

Scansano. Giugno 1944: tra Resistenza e passaggio del fronte

Nel territorio del Comune di Scansano, caratterizzato dalla presenza di vaste zone boschive, si formarono vari gruppi di renitenti alla chiamata alle armi della repubblica di Salò già dall’autunno 1943. L’unione di alcuni di questi gruppi divenne la formazione partigiana denominata Tigrotti di maremma, posizionata fra Cana e Baccinello, comandata da Domenico Ottaviani. La formazione, […]
Pubblicato il 15 maggio 2018
San_Martino_sul_Fiora_Chiesa

Maggio 1944: una strage nel Comune di Manciano

“A tutti i rurali di Maremma” “E’ necessario che tutti i Rurali di Maremma, ingannati da una propaganda falsa e bugiarda sappiano chi sono coloro che, sotto il mandato del Patriottismo, si atteggiano a futuri salvatori del popolo Italiano. Essi sono i fuggiaschi di tutte le razze, negri, neo-zelandesi, russi e simili, quei prigionieri ai […]
Pubblicato il 3 maggio 2018
Martiri-dIstia-Vittime

La strage di Maiano Lavacchio

Fu una strage che avenne in prossimità di Magliano in Toscana, nel piccolo borgo di Maiano Lavacchio, il 22 marzo 1944. Qui i fascisti grossetani trucidarono 11 giovani, quasi tutti renitenti alla leva della repubblica sociale, catturati su delazione nei boschi di Monte Bottigli. Quel marzo del 1944 fu un mese di sangue, iniziato con […]
Pubblicato il 16 marzo 2018
tomba-di-tiburzi

Morte ai delatori

Domenico Tiburzi era il suo nome E nelle notti tristi e senza luna Col suo fucile stretto sopra il cuore Sfidava la tempesta e la fortuna… Era mpossibbile da chiappallo, perché c’éa pure lue le su spie, ce l’éa perché le pagava bene.. Ogni storia che si tramanda di bocca in bocca ha sempre un […]
Pubblicato il 5 marzo 2018
briganti

Storie di Briganti nell’Alta Tuscia

La Storia del feroce Basilietto “Quando il sole fu alto nel cielo e scomparvero le brume mattutine, Tiburzi si alzò, chiamò vicino a se il biscino e gli mostrò un vasto territorio: questo è il mio regno su cui tu, da domani, potrai pascolare tranquillamente, senza che nessuno si azzardi ad impedirtelo..” La figura del […]
Pubblicato il 15 gennaio 2018
IMG_0512

La Chiesa di S.Michele Arcangelo recuperata a Pitigliano

La chiesetta di S.Michele, ubicata alla fine dell’omonimo viale alberato, da cui si gode uno dei più bei panorami di Pitigliano e della valle sottostante, da tempo si trovava in stato di abbandono e di degrado, tanto da temerne la perdita per il dissesto della parte absidale, la più antica dell’edificio, separata da un arco […]
Pubblicato il 20 dicembre 2017
Monica Lavazza
Locanda del Pozzo Antico
Maremmama'
Lombardelli Arredamenti
Bar Il Golosone
Pelletteria Grifoni
Unipol Sai Assicurazioni
Tisi Fotografia
Kaloroil