L’importanza di una corretta alimentazione nel bambino: dallo svezzamento all’adolescenza

bambinoOggi sappiamo che una corretta alimentazione è importante per la salute dei nostri figli, sin dal concepimento; essa infatti è parte essenziale della loro crescita, perché ne influenza sia la struttura fisica sia le abitudini alimentari che, da 0 a 18 anni, si saranno radicate nei loro comportamenti. Assumere tutti i nutrienti necessari all’organismo, mantenere un peso adeguato alla propria altezza e praticare quotidianamente attività fisica può influire positivamente sullo stato di salute generale dei nostri bambini e può rappresentare un vero e proprio investimento per il loro benessere futuro. La trasmissione delle regole di una corretta alimentazione è in gran parte compito dei genitori e questo ruolo propedeutico necessita di convinzione, conoscenza ed applicazione quotidiana; se quest’ultimi non si alimenteranno in maniera corretta, i figli, imitandoli, commetteranno probabilmente gli stessi errori. Vediamo adesso per fascia di età quali sono le nozioni base da sapere per far crescere al meglio i propri bambini.
Lo svezzamento è il passaggio graduale dal nutrimento liquido al nutrimento solido e dall’alimento esclusivo (latte) a una vasta gamma di alimenti con differente gusto e composizione. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il processo di svezzamento dovrebbe iniziare dopo il 6° mese, in quanto il latte materno o formulato assicura fino ad allora un accrescimento ottimale ed un rinforzamento del sistema immunitario; ove possibile sarebbe comunque opportuno mantenere l’allattamento materno al seno (o utilizzo del latte formulato) sino al 12° mese. Dopo lo svezzamento invece, il cibo cambia consistenza, da liquido diventa semi-solido, e dal punto di vista psicologico, il bambino deve staccarsi gradualmente dal seno materno, per passare ad un oggetto freddo, inerme, che non trasmette emozioni: il cucchiaino. I pasti devono diventare quindi un rituale importante, a cui dare il giusto valore e il giusto tempo. Un consiglio: mentre dai da mangiare al tuo bambino cerca, se riesci, di mangiare anche tu, l’imitazione può fare miracoli! Se il bambino è pigro nell’alimentarsi, non bisogna proporgli porzioni eccessive di pappa, anche se vedere il cibo che rimane nel piatto può essere frustrante per la mamma.

Bambini 1-3 anni: a questa età i bambini cominciano a manifestare le loro preferenze, anche negli alimenti. Iniziano a muoversi in autonomia e possono mangiare il cibo che si porta abitualmente in tavola.

Bambini 4-10 anni: il bambino è in grado di procurarsi gli alimenti anche da solo, indipendentemente dal volere dei genitori; in età scolare subentrano altri fattori: l’imitazione dei compagni, l’influenza della pubblicità e la ricerca di gratificazioni nel cibo.

In questo periodo il genitore deve vigilare di più e continuare a svolgere, con la costanza necessaria, la sua importantissima funzione di educatore. Benché attraenti e molto pubblicizzati, spesso i prodotti dell’industria hanno uno scarso valore nutrizionale e un’alta densità calorica. Non a caso, proprio in riferimento a questi alimenti è nata l’espressione “junk-food”, che significa cibo spazzatura.

Bambini 10-15 anni: nell’adolescenza si forma circa il 45% della massa ossea definitiva, il corretto sviluppo di scheletro e muscoli, del sistema cardiovascolare, respiratorio, nervoso, immunitario, ecc., dipendono soprattutto dall’alimentazione, dall’attività fisica e dalla stimolazione ambientale. È quindi molto importante che i nutrienti che andranno a costituire l’osso (calcio, fosforo e vitamina D) siano assunti nella quantità consigliata nelle tabelle precedenti. Per le ragazze l’importanza di sviluppare una corretta massa ossea è ancora maggiore, dato che le possibili future gravidanze possono determinare perdita di calcio, oltre a ciò quando entreranno in menopausa, con conseguente perdita fisiologica di massa ossea, avranno un minor rischio di sviluppare l’osteoporosi.

Cosa devo fare in caso di sovrappeso o obesità?
Quando si aumenta di peso sia da bambini, sia da adulti è raro che la causa sia da imputare a predisposizioni genetiche o a specifiche patologie, per questo è bene che chi di competenza determini con precisione la causa del sovrappeso o dell’obesità. Nella maggioranza dei casi la causa è dovuta ad una alimentazione troppo abbondante e ad una scarsa attività fisica.

Ecco alcuni spunti interessanti per i genitori per prevenire condizioni di aumento significativo di peso corporeo: – Iniziare la giornata facendo un’ottima prima colazione; – Gli spuntini devono essere leggeri e con alimenti genuini; – Mangiare frutta e verdura tutti i giorni; – Aumentare il consumo di pesce e carni bianche; – Diminuire il consumo di insaccati; – Utilizzare cereali e derivati integrali; – Limitare lo zucchero e le bibite zuccherate; – Diminuire il consumo di prodotti confezionati; – Diminuire le porzioni, mettendo nel piatto solo quello che si vuole che il bambino mangi; – Diminuire la misura dei bocconi e allungare la durata del pasto; – Dopo i 24 mesi, diminuire la quantità del latte vaccino; – Se il bambino prende ancora il biberon, non aggiungere biscotti, cereali o zucchero; – Non nutrire il bambino la notte; – Aumentare il tempo di gioco attivo, fallo divertire e muovere, gioca con lui; – Scegliere frutta di colore diverso, proponendola magari sotto forma di macedonia senza zucchero; – Per condire usare pochi grassi e prediligere l’olio extravergine d’oliva, ma moderare l’utilizzo del sale. Per quanto concerne l’attività fisica l’ Associazione Americana dei Pediatri consiglia, per bambini e adolescenti, 1 ora o più di attività motoria ogni giorno. Contrasta la sedentarietà del tuo bambino non lasciando che veda la TV o utilizzi i videogiochi per più di 2 ore al giorno. Incentiva giochi che prevedono movimento all’aria aperta; dai l’esempio e aiuta i tuoi figli a essere attivi. L’attività fisica e lo sport sono parte integrante della vita dei bambini e degli adolescenti, ed hanno implicazioni di carattere educativo e psicologico. Nell’età dello sviluppo, lo sport favorisce una percezione ottimale della propria immagine, migliora la capacità di adattamento di ragazze e ragazzi alla gestione degli impegni quotidiani consentendo un buon controllo emotivo, una migliore autostima e aumentando la capacità di socializzazione. Per incentivare i più giovani a camminare o ad andare in bicicletta, l’esempio fornito dai genitori è molto importante: fate lunghe passeggiate con loro invitando anche i loro amici, scoprite posti nuovi, in mezzo al verde, cogliete l’occasione per parlare delle piante e dei luoghi che vedete. Concludo con una frase detta dagli antichi greci ma sempre di maggiore attualità: “Noi siamo, ed i nostri figli saranno, quello che mangiamo”.

 

La Mandragola
Poggio al Tufo
Palestra Lifestyle Pitigliano
Parafarmacia
Podere Bello
Distributore Agip Dondolini
Brando Racing
Monica Lavazza
Locanda del Pozzo Antico
Maremmama'
Lombardelli Arredamenti
Bar Il Golosone
Pelletteria Grifoni
Unipol Sai Assicurazioni
Tisi Fotografia
Kaloroil