Pillole di storia

16521781_1245260585557515_158950403_n

Distacchi Fascisti-Il distacco di S. Martino sul Fiora e Catabbio da Sorano a Manciano

Questa è una storia fascista. E’ la storia del distacco di due frazioni del Comune di Sorano in favore di quello di Manciano. La prima avvisaglia di spinte centrifughe, che sembravano sopite e che risalivano ai primi anni del Novecento, è del giugno del 1926, quando in una lunga relazione inviata al Ministro degli Interni, […]
Pubblicato il 6 febbraio 2017
Roccalbegna

La strage di Roccalbegna: 11 giugno 1944

La mattina del 9 giugno 1944, presso il mulino di Aristotile Pollini, nel Comune di Roccalbegna, fu distribuita la farina a pagamento alla popolazione su preciso ordine dei partigiani della Formazione “Alta Maremma”, distaccamento di Roccalbegna comandato da Sante Bindi. Alessandro Denci si avviò verso il mulino in compagnia della figlia Amabile per prenderne la […]
Pubblicato il 6 febbraio 2017
Vecchia foto di Manciano

Ricordi del tempo di guerra

Petriccio Rosso è un casale nella zona di Montauto. Oggi, vestito di un colore rosso aranciato e munito di ogni confort, accoglie facoltosi clienti che vogliono sperimentare l’ebrezza di attraversare la selvaggia Maremma in sella a un cavallo. Per me e la mia famiglia rimarrà sempre la penultima tappa di un esodo iniziato con il […]
Pubblicato il 4 febbraio 2017
Pitigliano panoramica

La Comunità Ebraica di Pitigliano

Fin dal XVI secolo la contea degli Orsini, terra di frontiera e soggetta al potere assoluto del feudatario, ospitò profughi ebrei in quelle che David de Pomis definì le tre “Città rifugio”: Pitigliano, Sorano e Sovana. Costui era un medico ebreo espulso dallo Stato della Chiesa nel 1555 che, al servizio dei conti Orsini, poté […]
Pubblicato il 4 febbraio 2017
16521855_1243309165752657_1736512488_n

Miti di Maremma: il “Tenente Gino”

“Vi rimando vostro figlio, con la convinzione che i partigiani sono uomini che combattono per una fede e un ideale…[1]” Era Gino soldato di gran stile Forte e dotato di tanto coraggio Ma di animo e di cuore molto umile, Giusto e nemico di ogni brigantaggio, Sol per la libertà prese il fucile, Ma tradito […]
Pubblicato il 4 febbraio 2017
16467187_1241383309278576_962637717_n

L’acquedotto Vitozza-Sorano

Lungo le sponde del torrente Lente, sotto l’insediamento rupestre di Vitozza, sono tutt’ora visibili casotti in muratura, resti di ponti, tubi in ferro e gallerie che si addentrano per centinaia di metri nei costoni tufacei: è ciò che rimane dell’acquedotto Vitozza-Sorano, costruito insieme alla fonte del capoluogo subito dopo l’unità d’Italia, fra il 1862 e […]
Pubblicato il 3 febbraio 2017
Vecchia foto di Pitigliano (fonte Wikipedia)

I Molini dei Fratelli Foschetti di Pitigliano

I fratelli Ascanio, Giuseppe e Francesco Foschetti di Pitigliano svolgevano il mestiere di mugnai e possedevano 2 molini per macinare il grano, entrambi situati sul torrente Meleta, perché attivati dalla forza idraulica. Il primo mulino si trovava in fondo alla via cava della Madonna delle Grazie ed era adibito alla macinazione del grano per produrre […]
Pubblicato il 1 febbraio 2017
Locomotiva_gruppo_471

La ferrovia umbro-maremmana: un sogno svanito nel nulla

Negli anni successivi all’unificazione nazionale gli amministratori dei comuni delle colline del Fiora Sorano, Pitigliano, Manciano- seguivano con vivo interesse il progetto per la realizzazione della linea ferroviaria che avrebbe dovuto collegare Orvieto a Talamone o alle foci del Fiora. La ferrovia, dunque, interessava anche i loro territori e, insieme alla viabilità stradale e agli […]
Pubblicato il 31 gennaio 2017
Delio Ricci, medaglia d'oro al Valor Militare alla memoria

In ricordo di Delio Ricci, medaglia d’oro al Valor Militare alla memoria

Qualche mese fa ho raccolto la testimonianza di un partigiano della classe 1924. Mentre ricordava episodi della sua attività di staffetta tra Pitigliano, Manciano e Montauto, rifugio della Banda Arancio, mi disse: “Lo sapeva di quel renitente alla leva che presero alla Campigliola di Manciano? I tedeschi lo torturarono con colpi al petto tirati con […]
Pubblicato il 26 gennaio 2017
La stazione di Grosseto devastata dai bombardamenti (Foto archivio Isgrec)

La liberazione di Grosseto

  La Resistenza, quest’opposizione alla tirannide e alla sua guerra, questo moto di liberazione, è un ritrovamento della patria attraverso la difesa dell’essenziale alla vita: la patria degli orpelli, degli imperi, è cartapesta travolta, è falsità… (Francesco Chioccon) Con un appello trasmesso alla radio nel Natale del 1944, l’avvocato Amato Mati esortava i maremmani ad […]
Pubblicato il 25 gennaio 2017
Monica Lavazza
Locanda del Pozzo Antico
Maremmama'
Lombardelli Arredamenti
Bar Il Golosone
Pelletteria Grifoni
Unipol Sai Assicurazioni
Tisi Fotografia
Kaloroil