Coronavirusse

Coronavirusse

Se mi parli di corona
Penso a quella dei rocchietti
Che de i maiale è ciccia bona
Magra, grassa e un po a pezzetti

Ma i dottore c’ho incontrato
Dice ch’è un’aiddra faccenna,
Che l’Italia ha già ‘mpestato
E pe le gente adè tremenda

Dice lui che sta Corona,
C’ha conciatu pe le feste
Adè robba pocu bona
Ade peggio de la peste

È venuta da la Cina
E c’ha trovò ‘mpreparati
E da la sera a la mattina
Doventamo contagiati

semo tutti sotto torchiu
ci dovremo organizzá
È senza avvicinarsi troppu
Che dovemo lavorá.

Gli domanno co rispettu,
Conoscenno la mi tigna
“Posso annacci a i poderettu
A zappa giù pe la vigna?”

Lui mi mira come un figliu
E sorridenno sotto i baffi
“Caru Pe, di dó un consigliu,
Sarebbe meglio non annacci.

“I  momentu è delicatu
Devi anná in isolamentu
Fino a che non è passatu
Tutto quantu stu tormentu”

“Stu corona adè balordu
Si trasmette, adè nell’aria.
Adè rivo in tuttu i monnu
Questa e ‘na faccenda seria”

“Resta a casa co la moglie,
Perlomeno pe un mesettu,
Po esse che…..  ti ripigliono le voglie,
Di quann’aderi bardasettu”

“Dottó, sta faccenda non mi torna,
pe non esse contagiatu,
Devo rispettá sta norma
E co la moglie sta isolatu?”

” è giustu  e  dev’esse rispettatu
La corona  adè sempre più vicina,
Ma…… un mese co la moglie condannatu…..
Allora meglio solu. Io mi isolo in cantina”

Luigi Bisconti

Il video

Schermata 2020-03-18 alle 10.41.48

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Mandragola
Poggio al Tufo
Palestra Lifestyle Pitigliano
Parafarmacia
Podere Bello
Distributore Agip Dondolini
Brando Racing
Monica Lavazza
Locanda del Pozzo Antico
Maremmama'
Lombardelli Arredamenti
Bar Il Golosone
Pelletteria Grifoni
Unipol Sai Assicurazioni
Tisi Fotografia
Kaloroil